Windows 11, i consumatori non lo premiano

By Vincenzo Condò Tech Nessun commento su Windows 11, i consumatori non lo premiano

Diffusione poco capillare: solo il 2,61% della macchine lo utilizza.

Il lancio di Windows 11 è stato alimentato da un grosso hype attorno ad esso, che però a distanza di un anno, sembra sia scemato in modo considerevole. Il passaggio da Win 10 a Win 11 non è stato graduale: le statistiche dimostrano infatti come la distribuzione maggiormente diffusa sia ancora Windows 10 con l’81,87% seguita da Windows 7 con il suo 3,38%.

 

Windows 11 Stats OsFonte: Lansweeper

I dati forniti da The Lansweeper indicano che il 43% dei device Microsoft non ha la possibilità di essere aggiornato verso l’ultima release. In particolare, su un campione di 27 milioni di dispositivi a un anno dal lancio, il 7,15% non ha abbastanza RAM, il 14,66% non soddisfa i requisiti TPM e il 42,75% non soddisfa I requisiti di CPU. Questo implica che tra il 57% dei dispositivi con CPU supportata e quindi, verosimilmente, supporto alla tecnologia TMP, solo il 2,61% gira con Windows 11. Windows 11 Stats RequirementsFonte: Lansweeper

Il futuro del sistema

Cosa significa questo per il futuro di Windows 11? É destinato alla stessa sorte di Windows 8 o è stato solo sfavorito da una particolare situazione congiunturale? Secondo gli analisti del settore affinché Windows 11 trovi terreno fertile in periferiche hardware di ultima generazione ci vorranno all’incirca quattro anni: non tutti sentono la necessità di effettuare subito un upgrade per conformarsi alle specifiche richieste.

Windows però si difende affermando che le attuali condizioni sfavorevoli siano da attribuirsi alla crisi da Covid-19 della catena di distribuzione e allo shortage di materie prime che ne è conseguito. Una finestra di lancio sfavorevole, insomma.

Intanto, che Windows 11 sia destinato a trionfare o a floppare, la società di Redford si porta avanti e ci “mostra” già delle immagini di Windows 12 in anteprima.

  • Share:

Leave a comment